• Approfondimenti

Rinnova i tuoi elettrodomestici, il risparmio energetico è assicurato

Gli elettrodomestici vengono classificati in base a una scala di consumo energetico crescente dalla A alla G, consultabile attraverso l'etichetta energetica. Questo facilita molto la scelta del modello che permette il maggior risparmio. Frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie, TV e altri apparecchi possono infatti aiutarti a ridurre il consumo di energia e, di conseguenza, la spesa in bolletta

Nella scelta di un elettrodomestico è importante valutare bene le reali esigenze oltre a considerare la classe energetica indicata nella nuova etichetta energetica . Ma ci sono altri trucchi e accorgimenti che ci permettono di sfruttare al meglio gli elettrodomestici presenti nelle nostre case facendoci anche risparmiare.

LAVATRICI/ASCIUGATRICI

Pesa il bucato, imposta la quantità d'acqua e la lavatrice si regola da sola: massimo risparmio di tempo e di energia

La lavatrice è uno degli elettrodomestici più diffusi ed è anche un discreto "consumatore" di energia: deve infatti sfruttare l’elettricità per far muovere il cestello e per scaldare l’acqua per il lavaggio. Le nuove lavatrici ad alta efficienza energetica sono progettate per consumare meno energia e garantire un risparmio in bolletta . Per un ulteriore risparmio sono disponibili i programmi “eco” che sono in grado di eliminare anche lo sporco a bassa temperatura (30°) . I modelli più sofisticati poi, risparmiano anche acqua, pesando il bucato e regolandosi di conseguenza. Anche con l’asciugatrice è possibile risparmiare energia orientandosi verso modelli a risparmio energetico, prestando attenzione all’etichetta energetica. L’utilizzo della tecnologia a pompa di calore consente di aumentare l’efficienza energetica fino a raggiungere la classe più elevata; inoltre, l’integrazione di sensori che adattano il programma in base al carico consentono di consumare meno energia.

FRIGORIFERI / CONGELATORI

I più dispendiosi della cucina... se non si fanno le scelte giuste 

Gli elettrodomestici della cucina sono forse i più grandi “consumatori” di energia. Come tutti i dispositivi che funzionano in modo continuativo, il frigorifero ha un peso notevole sui consumi energetici. La scelta va valutata soprattutto in base alle esigenze familiari ma non bisogna farsi affascinare solo dalle dimensioni extra large, occorre verificare anche l’interno dell’apparecchio e soprattutto il consumo indicato sull’etichetta energetica . Il congelatore , essenziale quando lo spazio del freezer non basta più, per non gravare troppo sulla bolletta è consigliabile che sia delle dimensioni giuste per le reali esigenze della famiglia , perché un congelatore vuoto consuma di più rispetto a uno pieno, inoltre è importante non tenere aperta la porta troppo a lungo e posizionarlo lontano da fonti di calore o da finestre .

FORNO

Capacità, programmi di cottura, funzionalità e classe energetica: bassi consumi assicurati

Saper scegliere il modello giusto del forno a basso consumo può fare la differenza, occorre quindi valutare alcune caratteristiche quali dimensioni, capacità, consumi e funzionalità . Un fattore importante da considerare, e strettamente correlata alle dimensioni, è la capacità ossia la capienza interna del vano di cottura, che può partire da 9 litri nei modelli meno spaziosi per arrivare fino a 35 litri nel caso di elettrodomestici di grandi dimensioni. Anche la modalità di cottura incide notevolmente sulle prestazioni e sui consumi di un forno elettrico:  scegliendo la cottura con programma statico i tempi si allungano poiché la cottura è più lenta, mentre con il programma ventilato cuoce in maniera più veloce, lasciando i cibi croccanti fuori e umidi dentro. Questa differenza genera ovviamente consumi energetici diversi.

LAVASTOVIGLIE

Energia e acqua al minimo 

Anche i nuovi modelli di lavastoviglie puntano sempre più sul risparmio, sia elettrico che idrico. Gli apparecchi più evoluti richiedono ormai solo pochi litri d’acqua a ciclo e integrano sensori intelligenti che adeguano i parametri di lavaggio e asciugatura, come ad esempio quelli che registrano il grado di torbidità dell’acqua per adattare al meglio il ciclo di lavaggio, o altri sensori invece che permettono di misurare la quantità di carico e la temperatura esterna, consentendo così un risparmio fino al 50% di energia, acqua e tempo. Non dimentichiamo che risparmiare acqua significa anche risparmiare l’energia necessaria per riscaldarla alla temperatura di lavaggio, ma soprattutto una buona manutenzione garantirà la massima efficienza alla lavastoviglie e un dispendio energetico ridotto al minimo.

ILLUMINAZIONE

Una scelta ad alta efficienza

Anche in ambito di illuminazione scegliere un prodotto con un’elevata classe di efficienza energetica ci consente di risparmiare energia e ridurre i costi in bolletta. La differenza tra una lampadina tradizionale e a risparmio energetico è nella quantità di energia elettrica che viene trasformata in luce bianca. Passare a un’illuminazione efficiente dal punto di vista energetico assicura un notevole risparmio elettrico e dunque economico , riducendo i costi grazie all’introduzione di lampadine a basso consumo, durevoli fino a dodici volte in più rispetto a quelle tradizionali

SMART HOME

Per una casa sicura, confortevole e attenta al risparmio energetico

Dotare la propria abitazione di dispositivi “intelligenti” permette di evitare sprechi : gestire a distanza l’accensione e lo spegnimento delle luci o del climatizzatore e la programmazione degli elettrodomestici, può garantire un utilizzo ottimale che evita luci accese inutilmente o dispositivi lasciati in stand-by. Grazie ai concetti di smart home, la casa può diventare più sicura, più confortevole, più attenta al risparmio energetico , il tutto senza grandi difficoltà di installazione e configurazione e con il facile controllo da casa o da remoto via smartphone

TV

Le dimensioni contano... anche per il consumo di energia

Nel caso dei TV, oltre a considerare la classe energetica, è bene dotarsi di un modello con un polliciaggio adatto alle dimensioni della stanza , con una tecnologia LED o OLED e possibilmente con un interruttore per lo spegnimento generale. Nella scelta del TV l'etichetta può davvero aiutare:  grazie ai pittogrammi esplicativi è possibile conoscere le caratteristiche tecniche dello specifico modello, tra cui il consumo di energia anche in modalià HDR con la relativa classe di efficienza, la lunghezza della diagonale dello schermo visibile e il nuovo QR code che darà la possibilità di ottenere informazioni supplementari e ufficiali (non commerciali) del prodotto interessato. E ultima cosa, ma non meno importante,  il TV deve essere ben calibrato per consumare meno .