Sconnessi sì… ma con intelligenza
  • Approfondimenti

Sconnessi sì… ma con intelligenza

A volte si può sentire il bisogno di staccare da tutto, chiamate comprese, per prendersi un momento di relax. L’importante è farlo in modo intelligente, con la modalità Non Disturbare dello smartphone, per rimanere rintracciabile dai contatti più importanti. Ecco come funziona



Il telefono che continua a squillare, le chat di WhatsApp sono “roventi”, a volte c’è bisogno di staccare non solo per un impegno importante in cui non si può essere disturbati ma anche semplicemente per godersi un po’ di pace e relax. Si può fare in modo intelligente, senza isolarsi del tutto o scomparire perché sconnessi non vuol dire introvabili, soprattutto per le persone che per te contano veramente. In che modo? Lo puoi decidere tu: gli smartphone mettono a disposizione la funzione “Non disturbare” che permette di gestire e personalizzare la tua pausa. Ti spieghiamo come puoi sconnetterti con intelligenza.

Che cos’è e a cosa serve la modalità Non disturbare

Non tutti la conoscono o magari si sa che esiste ma non viene utilizzata, in realtà la modalità Non disturbare presente negli smartphone , sia quelli con sistema operativo iOS sia quelli con Android, è davvero molto utile per “staccare la spina” ogni tanto . Sei in riunione o impegnato in un appuntamento di lavoro? Allora è meglio non essere interrotti da telefonate e notifiche di WhatsApp. Si vuole semplicemente un po’ di pace e silenzio? La modalità Non disturbare è proprio l’ideale per mettere “in pausa” il telefono senza disconnettersi completamente. Appuntamento galante? Il telefono non deve interrompere per non farti interrompere! Tutte le comunicazioni in entrata, chiamate e messaggi, vengono filtrate in base alle impostazioni che l’utente seleziona e non vengono mostrate subito ma solo quando si decide di riprendere in mano lo smartphone con un’importante eccezione: la modalità Non disturbare è altamente personalizzabile quindi se la comunicazione è urgente (chiamate ripetute) si riceverà comunque. I genitori hanno bisogno con urgenza? La scuola chiama perché il bimbo non sta bene? Allora il telefono suonerà.

Come si attiva la modalità Non disturbare

Attivare la modalità Non disturbare è molto semplice sia che si tratti di un iPhone o di uno smartphone Android e si può procedere in due modi . Il più semplice è richiamare il menù a tendina (a scelta rapida) e toccare il pulsante con l’icona a forma di luna crescente. La seconda opzione è entrare in Impostazioni , selezionare la voce Non disturbare (negli smartphone Android occorre selezionare prima la voce Suoni) ed entrare nel menù per procedere nella personalizzazione della modalità. Una volta attivata la modalità Non disturbare sullo schermo in alto a destra apparirà l’icona della luna crescente.

 

Decidi tu quando prenderti  una pausa, programma il tuo momento di relax

Tra le opzioni disponibili all’interno della modalità Non disturbare c’è la programmazione a tempo per ritagliarsi dei momenti regolari di sconnessione : è quindi possibile scegliere un intervallo di tempo quotidiano durante il quale il dispositivo, in automatico, entrerà nella modalità Non disturbare . Un classico, ad esempio, è impostare gli orari di riposo notturni in modo che non saremo disturbati da nessuno se non dai contatti che abbiamo selezionato tra i preferiti per un sonno senza interruzioni. Non appena usciremo dal giorno o dalla fascia oraria impostata, la modalità Non disturbare si disattiverà da sola e tutti i suoni verranno ripristinati normalmente.

A sinistra la modalità Non Disturbare di iOS e a destra quella di Android su Huawei

Non disturbare mentre dormo (iOS)

A chi non è mai capitato di svegliarsi di notte, prendere in mano il telefono per capire che ore sono, ma accorgendosi dell’arrivo di 10 notifiche è rimasto a leggerle? Probabilmente a tutti. Per evitare il rischio di passare del tempo sveglio perché proprio non riesci a non leggere le notifiche, l’ideale è impostare la modalità Non disturbare legata alla funzionalità Sonno. La modalità Sonno permette così di estendere la modalità Non disturbare a tutta la notte, a seconda dell’orario programmato, da quando si va a letto a quando ci si alza con l’obiettivo di non interrompere il sonno. Il dispositivo elimina ogni suono derivante da notifiche o chiamate ma non solo, impedisce a queste notifiche di restare visibili sulla schermata di blocco, inviandole, invece, nel centro di notifica.

Le chiamate ripetute passano per gestire le urgenze

È importante continuare a ricevere le chiamate urgenti, anche da chi non è tra i nostri contatti. Per questo lo smartphone in modalità Non Disturbare può gestire le chiamate ripetute (la funzione va abilitata dalle impostazioni): in questo caso una seconda chiamata proveniente da una stessa persona in un arco di tre minuti di tempo farà comunque squillare la suoneria.


Sconnesso sì, ma non per tutti  

Sconnessi sì, ma meglio continuare a rimanere in contatto con le persone a cui tieni di più, quelle per le quali ci vuoi essere sempre. Quali lo decidi tu: gli smartphone con la modalità Non Disturbare ti permettono, infatti, di filtrare le chiamate, gli avvisi e le notifiche che vuoi continuare a ricevere, quelle che continueranno a far squillare il telefono anche con la modalità attiva. Per definire le persone abilitate alla chiamata basta inserire il loro contatto nelle lista dei Preferiti , oppure scegliere una lista di contatti che fanno parte di un certo gruppo, quindi occorre abilitare la lista prescelta nel menù delle impostazioni della funzione. È possibile abilitare una sola lista, ma se lo desideri puoi anche abilitare singoli contatti direttamente dalla rubrica. Le chiamate dei contatti inseriti nella lista scelta continueranno ad essere ricevute normalmente, per tutti gli altri il telefono rimarrà silenzioso.

Come si comporta lo smartphone in caso di chiamata autorizzata e non

Quando la modalità Non disturbare è attiva, e mentre il dispositivo è bloccato, in caso di chiamata da un contatto nella lista degli abilitati il telefono squilla normalmente; se invece ti chiama qualcuno che non è nella lista non riceve in quel momento nessuna segnalazione particolare , il telefono squilla a vuoto e viene poi diretto alla casella vocale, se è attiva, oppure la comunicazione cade. Se invece il telefono ha lo schermo sbloccato la suoneria squilla sempre, chiunque ti stia chiamando, anche se la modalità Non disturbare è attiva.

Non disturbare, silenzioso e modalità aereo: quali sono le differenze e come usarle nel modo più corretto

Connessi sì ma nel modo giusto e nella modalità più indicata alla situazione che si deve affrontare. Spesso ci si confonde, o forse non si conoscono bene le potenzialità del proprio dispositivo, ma queste tre funzionalità Non disturbare, Silenzioso e Modalità aereo sono indispensabili, e se usate al meglio, possono davvero aiutare l’utente nella routine quotidiana. Ma come funzionano e quando usarle?

 

Modalità Silenzioso

Una delle funzionalità più usate perché forse più conosciuta, la modalità Silenzioso può essere utilizzata per annullare totalmente i suoni dello smartphone sia per le chiamate che per le notifiche, senza impedirgli di rimanere connesso e funzionare regolarmente. Lo schermo comunque si illumina in caso di chiamata o notifica oppure lo smartphone emette una vibrazione se si è scelta questa impostazione. Attenzione però che in modalità Silenzioso, gli altoparlanti possono comunque riprodurre altri suoni provenienti da video o musica. Se vuoi la completa tranquillità, questa è la modalità perfetta da scegliere.

 

Modalità Aereo

La modalità Aereo, proprio come dice il nome, viene usata principalmente quando si è in volo e permette di tenere acceso il cellulare senza interferire con la sicurezza dei passeggeri e della strumentazione di bordo. Molto utile e necessaria perché interrompe tutti i segnali radio emanati dal dispositivo, impedendo così di effettuare e ricevere telefonate o messaggi, disattivando la connessione dati. Tuttavia, se la compagnia aerea lo consente è possibile attivare Bluetooth e Wi-Fi. Quando si è a terra invece, la modalità Aereo è utile quando si vuole mantenere un po' di privacy o per limitare il consumo della batteria , inoltre è essenziale quando lo smartphone è tra le mani dei bambini, impedendogli l’accesso a Internet.

 

Modalità Non disturbare

Come abbiamo visto ampiamente nell’articolo, a differenza della modalità Silenzioso, Non disturbare mette in pausa temporaneamente la ricezione di chiamate, messaggi e notifiche dello smartphone ed è possibile selezionare alcuni contatti preferiti e comunicare solo con loro. Questa modalità è ideale in caso di riunioni di lavoro, quando vogliamo riposare o quando semplicemente non vogliamo essere disturbati.

Modalità Non disturbare alla guida: quando sei al volante usa la testa… ma per guidare 

Quando si guida i messaggini e le notifiche possono attendere, meglio rimandare la lettura a dopo, con calma. Con la modalità Non disturbare alla guida, personalizzabile in base ai tuoi desideri, il telefono filtra le chiamate con le stesse condizioni della funzione Non disturbare standard , che abbiamo già visto. Il funzionamento dipende dal modello di smartphone: lo schermo può rimanere scuro e se qualcuno ti invia un messaggio, riceverà una risposta automatica che lo informa che sei alla guida. Oppure se la persona che scrive il messaggio scrive “urgente” riceverai una notifica, così puoi fermarti e leggere bene il messaggio o chiedere all’assistente vocale di leggerlo per te. Le notifiche più importanti, invece, come gli allarmi di emergenza, non ti “scappano” e vengono sempre ricevute.