• Approfondimenti

In vacanza con serenità: consigli e idee per lasciare la casa al sicuro

Le vacanze sono fatte per rilassarsi e se non si parte tranquilli sarà difficile farlo fino in fondo. Una delle principali preoccupazioni rimane la casa: cosa succede se salta la corrente? Come è meglio lasciare gli elettrodomestici, spenti o accesi? Basta seguire qualche semplice consiglio per trascorrere le vacanze in serenità

Sono tante le domande che ci poniamo quando siamo in procinto di partire per le vacanze e dobbiamo lasciare la nostra casa. Che sia per pochi giorni o per un lungo periodo è bene seguire qualche semplice accorgimento per non ritrovare brutte sorprese al rientro e trascorrere le ferie in tutta tranquillità. Frigorifero, lavatrice e lavastoviglie devono essere spente? E se il computer serve acceso perché devo collegarmi in remoto? L’impianto di videosorveglianza è utile solo contro i furti? Ecco una serie di consigli per lasciare una casa in “sicurezza”.
 

Frigorifero, cosa fare per non avere brutte sorprese

“Conviene svuotare e staccare dalla corrente il frigorifero quando si va via?” : ecco una delle domande più frequenti che ci si pone quando si avvicinano le vacanze. Ma ci sono molte altre situazioni in cui ci si pone lo stesso dilemma: quando si sta via per un fine settimana, oppure quando si utilizza un appartamento per periodi limitati (ad esempio per lavoro).

»   IL FRIGO CHIUSO CONSUMA POCHISSIMO -   Si tratta per lo più di una questione di risparmio energetico anche se, nel caso in cui il frigorifero sia abbastanza recente, il consumo giornaliero è praticamente trascurabile. C’è però la questione della corrente che potrebbe mancare per un temporale o per un altro fenomeno atmosferico. Nonostante ciò, se l’impianto della corrente è ragionevolmente recente o comunque a norma, si può partire con la tranquillità di ritrovare il frigorifero come l’abbiamo lasciato . In più, sempre a proposito di consumi, c’è da considerare che un frigorifero chiuso consuma davvero poco. Senza le abituali e frequenti aperture di una normale attività domestica, che fanno entrare all’interno del vano frigo aria calda, lo sforzo del compressore è minimo.  

»  SVUOTARLO CONVIENE SEMPRE -  Pur essendo improbabile il rischio di trovare il frigorifero spento o peggio ancora guasto al nostro rientro dalle ferie, lo svuotamento prima della partenza è sempre un’ottima occasione per tenerlo pulito e in buono stato  visto che è il principale dispositivo dove viene conservato il cibo. I produttori consigliano una pulizia completa ogni 4/6 settimane, ma non è sempre facile mantenere un ritmo così elevato di pulizia. Ecco perché le vacanze possono rappresentare un ottimo momento per effettuare una pulizia accurata. Se l’assenza si prolunga per più di un fine settimana, conviene decisamente svuotare il frigorifero o quanto meno eliminare dall’interno carne o altri cibi che possono creare cattivi odori.

»
 PER LA PULIZIA SOLO ACQUA TIEPIDA -  Nel caso in cui lo si voglia comunque pulire a fondo e spegnere, allora è bene procedere in questo modo: togliere la corrente, svuotare il frigorifero lasciando sbrinare il congelatore (se si tratta di un modello combinato), pulire l’interno del frigorifero con un panno delicato (tipo microfibra e comunque di un materiale assolutamente non abrasivo) con un po’ di acqua tiepida (evitando di utilizzare aceto o altre sostanze) e asciugare poi il tutto. È importante lasciare le porte aperte per evitare la formazione di muffe o cattivi odori.

Lavatrice e lavastoviglie: manutenzione e accorgimenti

Per la lavatrice e la lavastoviglie vale un discorso molto simile a quello fatto con il frigorifero, con qualche accortezza in più.
 
»   PULIZIA DEI FILTRI - Una volta rimossi e puliti i filtri di lavatrice e lavastoviglie, non è sbagliato fare un lavaggio a vuoto alla massima temperatura  per poi lasciarle aperte, in modo da favorire l’asciugatura dell’interno e soprattutto evitare la formazione di muffe, batteri e cattivi odori.

» CONVIENE STACCARE LA SPINA DALLA PRESA DI CORRENTE? No. Il pericolo dei temporali e dei picchi di tensione difficilmente deve preoccupare nel caso di lavatrice o lavastoviglie. Se l’impianto elettrico è in buono stato, si può anche lasciarle collegate senza troppe preoccupazioni.

I dispositivi a batteria sono sempre al sicuro? Dipende

I dispositivi a batteria, per definizione, non risentono dei problemi legati all’impianto elettrico. Tuttavia, molti di questi hanno una base da collegare alla corrente che è sempre bene scollegare . Un esempio classico sono i robot aspirapolvere che quando terminano il lavoro tornano automaticamente alla base di ricarica, sempre connessa alla corrente. Così come alcuni robot da cucina, ognuno con il suo alloggiamento perennemente sotto carica. In tutti questi casi, conviene sicuramente scollegare la base dalla corrente. E il dispositivo stesso? Va semplicemente lasciato spento? Come sappiamo, le batterie odierne tollerano poco gli stati di carica estremi , ovvero la carica completa al 100% o al contrario quella prossima allo 0. Se si programma di stare via tanto tempo, meglio lasciare i dispositivi sufficientemente carichi , in modo da ritrovarli al rientro non completamente scarichi.

TV, decoder, impianto HT: meglio staccare la spina

Il salotto è il centro della casa. Attorno al TV principale ruotano una serie di dispositivi e servizi di intrattenimento. Decoder di ogni genere, console da gioco, amplificatori e il televisore stesso, sono apparati molto delicati e spesso costosi. Un televisore moderno , ovvero acquistato negli ultimi cinque/otto anni, quando è in stand-by consuma praticamente nulla , conviene quindi non farsi troppi problemi e lasciarlo collegato. Quello che invece conviene decisamente scollegare è il cavo coassiale del digitale terrestre , che è certamente un rischio concreto nel caso in cui un fulmine si abbatta sull’antenna del TV.


Computer, modem, hard disk di rete: cosa fare se abbiamo necessità che stiano accesi?

Cosa fare del computer quando si va in vacanza? La domanda avrebbe una risposta semplice, ovvero quella di staccare tutto dalla corrente. Ma se si ha necessità di collegarsi al proprio computer da remoto o alla propria rete? Capita a molti, soprattutto a chi lavora esclusivamente con il computer, di dover recuperare un file o semplicemente consultare i documenti di un progetto. Per non parlare di chi ha delle telecamere di videosorveglianza o un hard disk di rete (anche detto NAS), dove conserva tutti i propri documenti e le foto. Per tutti questi utenti, che non possono fare a meno di utilizzare il computer e i diversi dispositivi connessi anche quando sono in vacanza, esiste soltanto una possibilità : proteggerli il più possibile dalle insidie dell’impianto elettrico. Un esempio può essere l’acquisto di un piccolo gruppo di continuità che, oltre a garantire un po’ di tempo per lo spegnimento corretto qualora dovesse mancare la corrente, protegge tutti i dispositivi da anomalie della rete elettrica come sovra o sotto tensioni. I modelli più sofisticati sono anche in grado di inviare una notifica in caso di mancanza della corrente, così da avvisarci per tempo e darci la possibilità di reagire di conseguenza.

» SALVAVITA CON DIFFERENZIALE A RIARMO AUTOMATICO:  è fondamentale per evitare che una semplice mancanza di corrente, anche solo di pochi secondi, possa far spegnere il computer o il NAS, impedendoci di ricollegarci.

» IL COMPUTER DEVE ESSERE PROGRAMMATO PER RIACCENDERSI AUTOMATICAMENTE IN CASO DI SPEGNIMENTO NON CORRETTO:  la maggior parte dei computer desktop e dei NAS prevede una specifica opzione (nei computer si trova nelle impostazioni della mainboard, di solito tra le opzioni del BIOS o dell’EFI) per istruire il PC su come comportarsi quando si spegne accidentalmente a causa della mancanza di corrente .

»   UTILE UN GRUPPO DI CONTINUITÀ -  Questi dispositivi, come PC e NAS, sono abbastanza intelligenti per riaccendersi automaticamente. Certo è che sarebbe meglio evitarlo, cosa fattibile con un gruppo di continuità che garantisce un’autonomia di qualche decina di minuti in assenza di corrente.


Prese intelligenti: proteggere la casa da visite indesiderate in modo semplice ed efficace

Da qualche anno si sono diffuse le prese intelligenti , dette anche “smart”, ovvero delle prese di corrente collegabili a Internet che permettono di accendere o spegnere tramite il proprio smartphone il dispositivo collegato con un cavo di alimentazione. Questa funzione apre la porta a moltissime possibilità, come quella di accendere o spegnere particolari dispositivi quando non siamo in casa, compresa la possibilità di programmare l’accensione delle luci per simulare la nostra presenza in casa, che è ancora oggi uno dei migliori deterrenti contro le visite indesiderate. Oltre alle prese smart ci sono anche le multiprese in grado di proteggere gli apparecchi da sovraccarichi di tensione o surriscaldamento . Una protezione in più per tutti quei dispositivi che vanno lasciati accesi anche durante la nostra assenza.


Acqua e gas, meglio chiudere tutto

Un ultimo controllo, prima di chiudere tutto e partire per le meritate vacanze, merita di essere fatto sull’impianto dell’acqua e del gas. In questo caso conviene sempre chiudere l’interruttore generale sia dell’impianto dell’acqua che del gas  per mettersi al riparo da eventuali danni.
L'ANTIFURTO

Il check-up prima di partire e i metodi tradizionali che non tradiscono mai

Messi al sicuro gli elettrodomestici, non rimane che occuparsi del resto della casa. Parliamo dell’impianto di allarme o di quello di videosorveglianza. Come assicurarsi che sia a posto e che farà il suo dovere nel momento del bisogno? 
 

» Per l’impianto di allarme, la prima prova da fare è quella di abilitarlo e di tentare un’intrusione in casa, per controllare che tutto funzioni come previsto. Per chi utilizza sensori a batteria, sarà anche il momento giusto per controllare la carica di queste ultime.

» Un altro test che si dovrebbe sempre fare prima della partenza è quello relativo alla tenuta delle batterie di centrali e sirene. A questo scopo si può staccare la corrente e testare così se l’antifurto suona in caso di mancanza di corrente e, se non lo fa, se comunque è pronto a suonare in caso di mancanza della corrente per qualche minuto. 

» In caso di impianti di videosorveglianza diamo per scontato che la connessione a Internet, e dunque la funzionalità di router/modem e Wi-Fi, è fondamentale. Prima di tutto occorre controllare i dispositivi a monte dell’impianto (salvavita e limitatori di tensione), ma anche e soprattutto un gruppo di continuità per far fronte a eventuali mancanze di corrente che potrebbero lasciare i dispositivi di sicurezza scollegati da Internet.

» Un sistema di sicurezza ulteriore, economico e di facile installazione, può essere un rilevatore di temperatura, particolarmente importante nel caso degli antifurti. Un eccessivo surriscaldamento dell’aria, per esempio, può portare un antifurto a suonare per via dei moti convettivi. Un sensore di temperatura, connesso a Internet e consultabile da un’app, può aiutare a capire da cosa è causato un falso allarme.  


Videosorveglianza o video controllo? Comunque serve a stare tranquilli

Molti dispositivi di sicurezza possono tornarci particolarmente utili quando siamo lontani da casa per qualche giorno anche se non sono stati espressamente pensati per quello scopo. È l’esempio dell’impianto di videosorveglianza che può essere utile per dare uno sguardo a casa anche quando siamo in vacanza. Uno sguardo all’impianto di irrigazione, ad esempio, oppure una semplice occhiata per verificare che sia tutto a posto. Un impianto di videosorveglianza o qualche telecamera smart assolvono benissimo questo compito e valgono ogni minuto di serenità in più quando si è in ferie.

Sensori di fumo e di temperatura: non si esagera mai quando si tratta di sicurezza

Anche i sensori intelligenti, connessi a Internet e comandabili tramite uno smartphone o con l’ausilio degli assistenti vocali, possono esserci d’aiuto anche se non espressamente pensati per funzionare da “controllori della casa”. Sensori di temperatura, ad esempio, oppure di fumo o ancora di perdita di acqua, dispositivi che nascono più per un discorso di sicurezza della casa, ma che tornano estremamente utili quando si è via da casa per qualche tempo.